Skip to content

Finanziamento pubblico ai partiti, oltre ai rimborsi c’è di più

17 gennaio 2013

finanziamento_partiti

Tramite la legge n. 515/93, art. 18, comma 1, successivamente modificata dalla legge n. 90/04, art. 7, ed interpretata dalla circolare n. 19 /E del 20 maggio 2004 dell’Agenzia delle Entrate, i partiti si sono ridotti l’aliquota IVA al 4% su tutte le spese relative a beni e servizi attinenti le campagne elettorali.

In particolare, la legge del 1993 (anno nel quale gli italiani hanno votato il referendum contro il finanziamento ai partiti) ha stabilito la riduzione dell’aliquota applicata alle spese sostenute dai partiti per il materiale tipografico, attinente alle campagne elettorali.
Successivamente, la legge del 2004 ha meglio specificato l’ambito di applicazione dell’aliquota ridotta, includendo le spese per carta e inchiostri in esso impiegati, per l’acquisto di spazi d’affissione*, di comunicazione politica radiotelevisiva, di messaggi politici ed elettorali sui quotidiani e periodici, per l’affitto dei locali e per gli allestimenti e i servizi connessi a manifestazioni, nei novanta giorni precedenti le elezioni della Camera e del Senato, dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia nonché, nelle aree interessate, nei novanta giorni precedenti le elezioni dei presidenti e dei consigli regionali e provinciali, dei sindaci e dei consigli comunali e circoscrizionali.
Infine, la circolare dell’Agenzia delle Entrate ha specificato che, nonostante la legge del 2004 sia intitolata “Norme in materia di elezioni dei membri del Parlamento europeo ed altre disposizioni inerenti ad elezioni da svolgersi nell’anno 2004”, è da ritenere che la previsione agevolativa non sia limitata ad uno specifico evento elettorale ma assuma portata generale, tale da riferirsi alla generalità delle competizioni elettorali.

E così i partiti, mentre aumentano al 21% l’IVA che pagano i cittadini, lasciano la loro al 4%: al finanziamento pubblico sotto forma di rimborso elettorale si aggiunge il finanziamento pubblico sotto forma di sgravio fiscale.

Cittadini in MoVimento

 
* La spesa riguardante questa voce è stata poi superata con la pratica di affiggere i manifesti abusivamente ed annullare le relative multe.

Annunci

From → Trasparenza

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: