Skip to content

Esperimento di democrazia diretta: referendum sul trasporto pubblico locale

6 aprile 2013

democrazia_diretta

La scorsa settimana ho ricevuto via mail il contributo di Vincenzo, che ha in mente un meccanismo per incentivare lo sviluppo dei mezzi pubblici. L’iniziativa che viene suggerita andrebbe studiata ed approfondita ma, nel frattempo, vorrei utilizzarla per effettuare una simulazione.

Come sapete, l’obiettivo del “metodo” 5 stelle è la partecipazione del 100% dei dittadini, la democrazia diretta, cioè la combinazione di informazione trasparente nei confronti della cittadinanza e votazione popolare tramite referendum senza quorum.

Le ipotesi alla base del ragionamento andrebbero verificate ma, ripeto, quello che vorrei testare con l’articolo di oggi è semplicemente il metodo: rappresentazione di una proposta e seguente votazione.

In particolare, l’iniziativa per la quale si richiede ai cittadini di esprimere il proprio favore è la seguente: i residenti possono utilizzare i mezzi pubblici senza pagare il biglietto, a cui si sostituisce una tassa comunale; i turisti ed i non residenti pagano i normali biglietti di viaggio.

Il conseguente incentivo ad utilizzare i mezzi pubblici per tutti i cittadini residenti a Roma produrrebbe vantaggi in termini di:

  1. riduzione del traffico
  2. riduzione dell’inquinamento
  3. potenziamento delle linee

Il testo dell’ipotetico referendum sarebbe, quindi, il seguente: “Sei favorevole o contrario alla proposta di concedere ai cittadini residenti a Roma il diritto di viaggiare gratuitamente sui mezzi pubblici, prevedendo l’introduzione di una tassa sul trasporto publico locale ed il pagamento del biglietto per i non residenti e gli stranieri?”

Potete partecipare al referendum >>cliccando qui<<.

RISULTATI (10 aprile):

Favorevole: 72%

Contrario: 28%

Ps. Questa che segue è la mail di Vincenzo,  che ringrazio pubblicamente insieme a tutti coloro che ci sono vicini e ci stanno sostenendo.

Carissimo Angelo,
ecco che sono subito a scriverTi, dopo esserci conosciuti questa mattina.
Ignoro se possa essere un’idea percorribile, ma Te la esplico ugualmente, poiché è da tempo che ci penso.
A pare il “car sharing” che appare un ottimo rimedio per decongestionare il traffico e diminuire lo smog, ci sarebbe un rimedio più radicale, anche se maggiormente “invasivo”.
Sarebbe quello dell’incentivazione del trasporto pubblico, che, ovviamente, dovrebbe offrire dei servizi migliori rispetto a quelli offerti oggi.
Resta da risolvere la questione finanziaria.Bene, potrebbe provarsi a istituire una “tassa”, così come avviene per la TARSU o per l’IMU, che tutti i nuclei familiari di Roma sarebbero chiamati obbligatoriamente a versare. L’importo sarebbe in proporzione ai componenti del nucleo.
Ciò da un lato consentirebbe di avere un sistema di trasporti efficiente mediante il potenziamento della metropolitana e dei bus e dall’altro spingerebbe tutti i componenti del nucleo a utilizzare il mezzo pubblico, visto che vi sarebbe comunque un esborso e che i trasporti dovrebbero essere efficienti. Sarebbero tenuti al pagamento dei biglietti i soli turisti e i non residenti. Si potrebbe inoltre incaricare i conducenti di verificare il titolo di viaggio dei passeggeri (documento d’identità riportante la residenza in Roma e biglietti per gli altri), poiché vi sarebbe un numero irrilevante di “portoghesi”, al contrario di oggi, fattispecie che rende impossibile tale controllo.
Facendo un calcolo (molto) approssimativo: su un numero di 2.500.000 residenti, considerando una media di 3 componenti per nucleo, vi sarebbero circa 830.000 nuclei.
Prevedendo un importo di 150,00 euro/anno per nucleo, l’introito sarebbe di 124.500.000 all’anno. Bisognerebbe poi aggiungere l’incasso derivante dai non residenti e dai turisti.
Ignoro quali siano i costi, oggi, del trasporto e pertanto non sono in grado di valutare se il suddetto importo potrebbe essere sufficiente per il potenziamento come sopra descritto.
Certamente, l’impatto sull’opinione pubblica sarebbe facilmente immaginabile, ma con il passare del tempo e la constatazione del miglioramento delle generali condizioni di vita porterebbe a valutazioni migliori.
Spero non sia molto “bizzarra”.

Annunci

From → Mobilità

2 commenti
  1. bel servizio da provare, complimenti per il blog 😉 Aspettiamo nuovi aggiornamenti al Blog !!

    Mi piace

Trackbacks & Pingbacks

  1. Il giro delle sei ruberie a Villa Pamphili | Blog di Angelo Diario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: