Skip to content

Lo sbarco in tv del M5S

7 giugno 2013

Lunedì sera Luigi Di Maio, Vice Presidente della Camera a 26 anni, è stato ospite di Otto e Mezzo su La7. Per chi se l’è persa, riassumo i momenti più significativi. A cominciare dalla spiegazione sui motivi di questa nuova fase comunicativa:

Ci vedrete un po’ più spesso perchè stiamo aumentando la comunicazione, per far uscire quello che facciamo in Parlamento ogni giorno. Abbiamo dovuto decidere di togliere un po’ di tempo al nostro lavoro in Parlamento e darlo alla comunicazione, prestandoci ad informare i nostri elettori ed i cittadini, per rispetto anche agli 8 milioni di cittadini che ci hanno votato.

Chi la decide la strategia nel M5S?

La decidono i gruppi parlamentari, al netto delle regole sottoscritte con gli italiani (il Regolamento, il Non Statuto). Con Grillo ci vediamo una volta al mese ed utilizziamo il suo blog per dare più risonanza alle nostre decisioni, prese con votazione a maggioranza.

Tutti i giornali scrivono che nei prossimi giorni verranno espulsi alcuni parlamentari. E’ vero?

Vorrei rassicurare tutti: qualsiasi tipo di espulsione deve essere motivata, viene decisa dal gruppo parlamentare e viene sottoposta a tutti gli iscritti al portale del Movimento 5 Stelle. Come è stato fatto in passato per altre decisioni.

Lei pensa che il turpiloquio, che Grillo usa spesso nei comizi politici, debba essere accettato nel linguaggio politico?

Noi siamo la dimostrazione, come parlamentari, che quello è lo stile di Beppe Grillo, che non è un parlamentare, non è una carica istituzionale. Io non utilizzo il turpiloquio e mi sento di garantire per tutto il mio gruppo parlamentare. Grillo non istiga alla violenza, lui al massimo prova rabbia, è la rabbia degli italiani, di un paese che è stato ridotto in macerie dal sistema dei partiti politici.  Quella rabbia la canalizza in un progetto, un progetto che porta dei ragazzi come me in Parlamento, che porta delle persone in Commissione Bilancio che hanno due lauree.

Anche il PD ha rinnovato alcuni parlamentari

Ho avuto modo di osservare il PD. C’è un terzo che si è rinnovato anagraficamente ma poi quando si va a votare su cose importanti, come l’abolizione del Porcellum, votano tutti compatti. Se un partito in campagna elettorale dice che questa legge elettorale deve scomparire, e poi un deputato del PD presenta una mozione per farla scomparire, e tutto il PD vota contro, quando noi l’abbiamo votata a favore, per coerenza con quello che avevamo detto, si è compatti nell’incoerenza.

I sondaggi vi danno in calo.

Si ma sono gli stessi sondaggi che dicevano che alle elezioni avremmo preso il 18%, e poi abbiamo preso il 25%. Se vogliamo stare ai sondaggi, dovremmo fare molta più politica in tv e poca in Parlamento. Ad esempio, tra gli assenteisti c’è Berlusconi, col 94% di assenze in Senato, perchè è una persona che passa più tempo mediaticamente che a lavorare in parlamento. Invece, se vogliamo fare un favore al nostro paese, dobbiamo lavorare negli organi dove siamo stati eletti.

Siccome avete i vostri 20 punti di programma, per far passare queste vostre proposte dovrete trovare i voti di qualcuno.

Assolutamente si, su questo siamo molto sereni. Stiamo presentando proposte di legge per le quali, da tanti anni, i parlamentari di altri partiti aspettavano, nel loro partito, di avere sostegno. Ad esempio, la mozione Giachetti sulla legge elettorale è stata sottoscritta da Giachetti del PD e da Martino del PDL: noi l’abbiamo votata. Il Parlamento esiste per questo, se dovevamo solo votare allora votavamo da casa. Il Parlamento  è importante perchè nella discussione si convince l’interlocutore delle tue ragioni. Lo stiamo facendo, ogni giorno, tanto e è vero che alcuni nostri emendamenti sono stati votati in Commissione Bilancio, come ad esempio quello che impedisce alle Regioni di alzare le tasse ai cittadini per sanare i debiti con le imprese.

Lei quanto prende di stipendio?

Io, essendo Vice Presidente della Camera, avrei diritto oltre allo stipendio da parlamentare anche ad un’indennità aggiuntiva, alla quale rinuncio. In tutto mi vengono liquidati sul conto corrente 19 mila euro al mese, di cui restituisco circa 14 mila euro. Percepisco i 5 mila euro lordi di indennità parlamentare più i rimborsi spese che rendiconto. Ad esempio, vivo in un appartamento in affitto con altri 3 parlamentari e spendo molto di meno rispetto alla diaria: così abbassiamo ancora di più le spese e continuiamo a restare umani, perchè quello è un mondo in cui, con queste cifre esagerate, si può perdere facilmente la testa.

Annunci
One Comment
  1. bravissimo sono orgoglioso di te e contento che tu faccia parte delle 5 s l’italia ha bisogno di gente come te e non come quei politici corrotti e disonesti (molti di loro dovrebbrto essere in galera) bravo continua cosi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: