Skip to content

Expo 2015: la rete non dimentica

22 maggio 2014

Renzi_Expo

Tra un anno ricordiamoci che Renzi ci ha messo la faccia. Tra un anno ricordiamoci di queste sue dichiarazioni:

L’Expo è una grandissima iniziativa. In tanti in questo momento stanno dicendo ‘Ma chi te lo fa fare, non ti conviene entrare nella dinamica di Expo, mischiare la tua faccia pulita con un’immagine di problemi’. Preferisco rischiare di perdere qualche punto nei sondaggi che una grande opportunità che vuol dire crescita e posti di lavoro

E, nel frattempo, oggi ricordiamoci di cosa scriveva Grillo del dicembre 2008:

L’esposizione universale, o EXPO, viene da lontano. Dall’Ottocento. Da un’età in cui per spostarsi da Londra a San Francisco ci volevano mesi. E’ nata per permettere alle persone di vedere cose mai viste. Tecnologia, futuro, costruzioni fuori dalla realtà quotidiana. Il mondo, allora, non era a portata di click. Per i trasporti delle merci si usavano i bastimenti, oggi basta il mouse. L’Italia ha avuto la sfortuna di vincere l’EXPO 2015 con Milano.
A Milano e dintorni potremo ammirare nel 2015 nuovi edifici, grattacieli, strade, viadotti, ponti, lotti agricoli edificati, palazzine residenziali, parcheggi, svincoli, rotonde, ferrovie, metropolitane leggere e pesanti. E’ una grande opportunità per i costruttori, i palazzinari, i tangentari, per le mafie e per i politici. I partiti stanno litigando da mesi per mettere il cappello sulle poltrone dell’EXPO. Sono sicuro che troveranno un accordo. I soldi ci sono, sempre i nostri. L’appetito anche, sempre il loro. Quanto costerà ai contribuenti? Si verrà a sapere solo a consuntivo. Un bel piè di lista per i vari Tronchetti, Ligresti e Impregilo. Di sicuro si parla di miliardi di euro, almeno cinque. E da subito mancano già 2,3 miliardi.
L’EXPO è antistorico, sarà una fabbrica di asfalto, cemento e di tangenti. Una greppia universale, il deserto della natura.

pisapia_expoE di cosa scriveva Mattia Calise, consigliere comunale M5S a Milano, nel 2011, dopo il passaggio di consegne da Letizia Moratti (Sindaco di destra) a Giuliano Pisapia (Sindaco di sinistra):

[…] L’intera area attualmente a verde, a uso agricolo, sarà cementificato il 50% nel post Expo con la vendita dei territori per rientrare in questi 32 milioni spesi per comprarli e con la speculazione edilizia che accompagna tutte queste grandi opere. Il tutto sarà accompagnato da una prevista infiltrazione ‘ndranghetista e mafiosa negli appalti e subappalti, collegate al movimento terra, al noleggio dei mezzi, di fatto com’è avvenuto allo stesso modo nella tratta Milano – Torino della Tav. In Consiglio Comunale ci siamo opposti e siamo stati gli unici a opporci all’entrata in area Expo Spa, utilizzeremo questi 32 milioni procurandoci il nuovo debito in un contesto dove Milano è già messa alla prova, duramente su una nuova tassazione: è stata introdotta l’addizionale IRPEF, sono stati aumentati del 50% il costo dei biglietti dei mezzi di trasporto.

Se non vogliamo aspettare un anno, riflettiamo su quanto possono essere credibili le promesse di uno che a febbraio del 2014 si impegnava a realizzare “una riforma al mese“:

la piattaforma che discuterò prevede che entro febbraio si faccia un lavoro urgente sulle riforme costituzionali ed elettorali, e nei mesi successivi ci saranno: a marzo il lavoro, ad aprile la riforma della Pubblica Amministrazione, a maggio il fisco

Se non vogliamo aspettare un anno, ricordiamoci che i nuovi Mattia Calise sono Dario Tamburrano, Fabio Massimo Castaldo e Giuseppa Campo.

A differenza dei candidati dei partiti politici, quelli del Movimento 5 Stelle faranno quello che dicono: solo con loro possiamo sperare che in Europa l’onestà andrà di moda.

Annunci
2 commenti
  1. Luigi Plos permalink

    bravo Angelo per avere ripercorso la storia dell’EXPO! Correggi solamente da 2001 a 2011 il passaggio moratti/pisapia ovvero da “destra” a “sinistra”

    Mi piace

Trackbacks & Pingbacks

  1. Le piccole e grandi opere inutili | Blog di Angelo Diario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: