Skip to content

Le mie prime due settimane da consigliere in pectore

1 luglio 2016

insediamento7luglio

Riprendo a scrivere su queste pagine per raccontare quello che è accaduto nei giorni successivi al ballottaggio del 19 giugno, giorno nel quale è stato eletto il più giovane “primo cittadino” della Capitale, nonché prima Sindaca.

La prima novità è la riunione del lunedì sera. In attesa dell’insediamento ufficiale, che avverrà il prossimo 7 luglio, abbiamo una lunga lista di attività preparatorie da affrontare, quindi abbiamo deciso di riunirci almeno una volta a settimana per coordinare le azioni e fare il punto della situazione. Ovviamente lo facciamo nel tempo libero, quindi per permettere a tutti di partecipare iniziamo alle 18:30. E se per caso questo momento coincide con la partita della nazionale di calcio ce ne facciamo una ragione. Sembrano delle banalità ma è già un piccolo cambiamento, se pensate che in passato venivano spostate le convocazioni dei Consigli e delle Commissioni per evitare sovrapposizioni con le partite di calcio.

Una delle attività che ci ha impegnato di più è stata la selezione dei componenti dello staff (ancora in corso). Ogni consigliere può avere un assistente personale ed ogni Commissione cinque collaboratori, più 15 collaboratori in condivisione tra i 29 consiglieri del gruppo. Una seconda novità che abbiamo introdotto è il metodo di selezione del personale. Io ho sfruttato tutti i canali a mia disposizione: l’esperienza dei 2 anni precedenti, che mi ha permesso di conoscere tanti funzionari e tecnici capaci; l’elaborazione del programma elettorale, per la quale ho spesso chiesto aiuto agli uffici; l’uso dei social network, grazie ai quali la notizia della nostra ricerca di personale ha raggiunto più di trentamila persone. Forse anche questa sembra una banalità è, invece, un secondo cambiamento che abbiamo già realizzato, se pensate che quasi tutti ci ha detto che nessuno gli aveva mai chiesto il curriculum.

La prossima tappa sarà, dopo l’insediamento del 7 luglio, la costituzione delle commissioni, presumibilmente entro una decina di giorni. Ogni commissione dovrà eleggere il proprio Presidente che, a sua volta, dovrà costituire lo staff di supporto: un responsabile amministrativo (che si occuperà delle convocazioni, della registrazione delle presenze e della verbalizzazione), un agente contabile (che sarà responsabile della rendicontazione di tutte le spese) e tre collaboratori (che contribuiranno con le proprie professionalità alla realizzazione del programma). Se le lettere di richiesta personale partiranno immediatamente, entro il 20 luglio dovremmo di essere pienamente operativi: la Commissione X – PERSONALE STATUTO E SPORT lo sarà di certo!
Annunci

From → Generale, Trasparenza

10 commenti
  1. se vinco la lotteria giuro che investo subito in un corso di informatica , mi compero un pc decente un ADSL da 100 mega e moltiplico per 10 il tempo da trascorrere al pc, così, frequentando Twitter Fb e social vari potrò cogliere tutte le opportunità e le informazioni che ora mi sfuggono, ed anche le medicine per combattere la conseguente patologia da sedentarietà senile..
    Il problema è che per un disoccupato come me non sarebbe. saggio né onorevole sperperare un solo centesimo in giochi d’azzardo e lotterie varie. Quindi Amen
    ps Caro Angelo chiediti quanti soltanto a Roma possono avere il mio stesso problema e rifletti, visto che i neuroni e l’onestà intellettuale non dovrebbero difettarti. Cmq, congratulazioni e .. buon lavoro

    Liked by 1 persona

    • Disoccupazione, gioco d’azzardo, opportunità, informazioni: tante parole ma non ho capito cosa vuoi dire. Se é un suggerimento quello che hai scritto, ti confesso che non l’ho colto.

      Mi piace

      • non era un suggerimento, ma una denuncia di un problema enorme e che dovresti conoscere meglio di me : quelli più colti mi pare lo chiamino “digital divide”.Se vogliamo fare un discorso serio ed approfondito sul tema mi trovi pronto come sempre. Se invece pensi che sia polemica sterile la chiudiamo qui. Ciao

        Mi piace

      • http://www.pluto.it/files/journal/pj0207/Digital_Divide.html

        Liked by 1 persona

  2. almeno ora è più chiaro. oppure devo rivedere le mie valutazioni sulla mia (o tua ?) capacità intellettiva? mio figlio dice che ho un cuore da contadino, un fegato da leone ed un cervello da scimmia, ma io dico che ogni specie animale ha la sua dignità ed il suo diritto di espressione.
    L’importante alla fine è risolvere i problemi, e fare bene il proprio mestiere , sempre.
    So bene che certe problematiche non ti competono direttamente, e che non sta a te risolverle, ma almeno potresti provare a dire la tua, mettendoci la faccia come ci si aspetta sempre da un uomo-portavoce M5S.( questo sì, prendilo come un suggerimento, o come un consiglio da amico)..
    Vuoi scommettere che il “digital divide” sarà il punto debole sul quale ci attaccheranno in massa
    avversari e media compiacenti e che ciò creerà al M5S problemi di consenso molto ma molto seri alle prossime elezioni politiche? ti parlo come ad un figliolo, quindi non prendertela se non accetto l’indifferenza rispetto ad un problema davvero serio. Meglio sarebbe da parte tua una argomentata e poco compiacente contrapposizione sul tema. dopodiché sarei ben contento nell’ammettere che non ci avevo capito un cà…(= un problema inesistente è = un problema risolto).
    Rilassati e rifletti senza fretta, poi parliamone se vuoi… ciao

    Mi piace

    • Sì, ora è più chiaro 🙂 In effetti il digital divide è un argomento che non ho mai affrontato (per questo non mi era chiaro il nesso con il post) ma molti miei colleghi lo seguono. Concordo con te: l’informatizzazione della cittadinanza deve essere uno dei nostri obiettivi.

      Mi piace

      • scusa Angelo, ma era importante capire chi è pro e chi è contro, visto che c’è anche chi è contro ed è sin troppo facile capire il perché ( non è una congettura, l’ho sentito con le mie orecchie).
        Un ultima cosa: sai dirmi chi coordina , tra i colleghi cui hai accennato,, le attività ed i progetti di informatizzazione della cittadinanza, ed il suo recapito mail, così evito di impegnarti in materie che non ti competono?
        ancora grazie e buon lavoro

        Mi piace

  3. Claudia permalink

    Caro Angelo ti faccio i miei più grandi in bocca al lupo per.quest’avventura per la quale tutti noi cittadini romani, anche se non iscritti al movimento 5 stelle, crediamo. Un augurio a noi che ci stupiate dimostrando veramente di essere i rappresentanti di tutti, dimostrando di andare al di là di tutto nell’interesse comune.

    Liked by 1 persona

    • Grazie é un bellissimo augurio. Ci metteremo tutto il nostro impegno per riuscire a stupirvi.

      Liked by 1 persona

  4. Caro Angelo,finalmente abbiamo la nuova giunta e siccome cosa fatta capo ha, spero che serva a ridurre nervosismo dei cittadini , tensioni interne al movimento ed imbarazzo negli attivisti che in questi giorni, dai vari media ne hanno sentite di cotte e di crude.
    Da questo momento il tempo diventa tiranno ma alla fine se faremo tutti la ns parte finirà per darci ragione.

    Ti propongo un iniziativa in piena linea con il tuo spirito… sportivo, che potrebbe riscuotere l’interesse di molti cittadini:
    una pedalata serale “a tappe” per le vie della città, che si sviluppi sull’intero percorso viario urbano
    con lo scopo primario di individuare e segnalare le singole criticità, con riferimento al degrado, alla
    funzionalità dei dispositivi di raccolta della nettezza urbana, alla situazione parcheggi, illuminazione al fondo stradale, cartelli e affissioni abusivi etc. Ad ogni tappa seguirebbe una relazione su un apposita scheda tecnica , parametro per parametro corredata da foto scattate durante il percorso.
    Le tappe andrebbero studiate con l’aiuto del navigatore gps tenendo conto dei sensi di marcia e della assoluta capillarità del percorso.
    L’operazione potrebbe essere ripetuta ogni circa due anni per poter documentare le differenze “prima e dopo la cura” .
    La stessa cosa si potrebbe fare di giorno per monitorare il verde pubblico e la sua fruibilità per chi ama camminare correre o pedalare.
    Nel medio lungo periodo , sempre che il reddito di cittadinanza vada in porto, un attività del genere
    potrebbe essere inserita tra quelle di pubblica utilità a cui è obbligato il percettore dell’assegno.
    Per ora potrebbe comunque partire, come puro volontariato. Penso che molti concittadini come me sarebbero disponibili con piacere a svolgere un’ attività di servizio pubblico, che al contempo potrebbe rivestire un significato politico non da poco della serie ” il M5S ha idee chiare e sa realizzarle concretamente se i cittadini si rendono partecipi”.
    Ovviamente l’organizzazione delle task force tour dovrebbe essere coordinata dal comune e gestita per settori urbani dai singoli municipi, visto anche che per fortuna sono quasi tutti a maggioranza M5S.
    Che ne pensi?
    un abbraccio , Dario

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: