Vai al contenuto

Il Tar dà ancora ragione a Roma Capitale

7 marzo 2020

Il 5 marzo è stata pubblicata un’altra sentenza che dà ragione all’operato di Roma Capitale. L’ennesima.

Negli ultimi tempi ho iniziato a parlare di queste sentenze al fine di rendere tutti consapevoli della mole di lavoro che gli uffici devono farsi carico per rispondere, purtroppo, a richieste che non producono niente di buono per i cittadini, ma che comportano un enorme aggravio in termini di ore lavoro per il personale capitolino. Infatti, il personale degli uffici sport, invece di lavorare per far avanzare le istanze che si possono concludere con esito positivo, devono “perdere tempo” per rispondere a questi continui ricorsi. Il che si traduce in un danno per i concessionari rispettosi delle regole, oltre che naturalmente per gli utenti degli impianti.

Il ricorso in questione è stato presentato dalla ASD Paolo Rosi, che ha ricevuto da parte del Dipartimento Sport un provvedimento di decadenza della concessione a causa di un debito pregresso che non ha mai rimborsato, nonostante gli impegni presi con l’Amministrazione.

Desidero sottolineare ancora una volta che, proprio grazie al controllo che finalmente l’Amministrazione ha attuato sui pagamenti dei canoni da parte dei concessionari, e cioè da quando il Movimento 5 Stelle è andato al governo della città, la percentuale di gestori morosi o ritardatari nei pagamenti del canone è scesa da oltre il 70% a circa il 10%.

Il Tar ha rigettato il ricorso ed ha pubblicato la sentenza, che potete leggere: TAR su ricorso asd Paolo Rosi.

Desidero concludere sottoscrivendo pienamente le parole dell’Assessore Frongia.

Loro non pagano, il Comune gli manda provvedimento di decadenza e loro dicono “io non pago, ok, ma perché a me mandi provvedimento e agli altri che ugualmente non pagano no?”. Quando si è in torto, invece di cercare affannosamente soluzioni alternative che legittimino la condizione di difetto, si farebbe più bella figura a pagare laddove si è debitori, o ad accettare i provvedimenti che ne conseguono senza alzare polveroni inutili. Che fanno perdere tempo e soldi agli uffici pubblici, alla magistratura, all’Amministrazione e che, chiaramente, non portano da nessuna parte.

From → Articoli

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: