Skip to content

Il giro delle sei ruberie a Villa Pamphili

30 aprile 2013

Planimetria

Domenica ho conosciuto Bruno, che è un attento frequentatore di Villa Pamphili e grazie al quale possiamo testimoniare l’ennesimo esempio di spreco di denaro pubblico realizzato coloro che abbiamo eletto per rappresentarci al comune (forse abbiamo sbagliato?).

Abbiamo effettuato insieme uno speciale giro turistico nella villa, per andare ad osservare di persona le opere di pubblica inutilità che hanno arricchito i soliti furbetti del quartierino, ovviamente pagate con i soldi nostri.

Si tratta di lavori che sono costati, in termini monetari, milioni di euro.

Si tratta di lavori che sono costati, in termini di servizi ai cittadini, meno posti disponibili negli asili nido, meno corse degli autobus, meno vigili in strada. In altre parole, una vita più costosa, più stressata dal traffico, più insicura.

Domenica 5 maggio andremo a girare un video, siete tutti invitati a partecipare. Ci vediamo alle 18 di fronte al punto jogging, che si trova vicino al ponte pedonale che collega le due parti della villa (è indicato nella mappa, in basso a sinistra, con la lettera A).

Queste sono le tappe che caratterizzeranno il “giro delle sei ruberie”. Non mancate!

La prima serra, che dovrebbe essere costata almeno 400 mila euro
(scriviamo “dovrebbe” perchè non c’è trasparenza, potrebbe anche essere costata 10 volte di più)

01

Il tabellone dei lavori del giardinetto vicino l’ingresso di via Aurelia antica
(dovrebbero essere costati altri 363 mila euro)

 02

La seconda serra, mai utilizzata e aperta al pubblico
(almeno altri 400 mila euro, probabilmente molti di più)

03

I gabinetti, che sono restati in funzione solo per pochi giorni
(120 mila euro)

04 - 124402

Il pannello relativo al villino, restaurato (per i topi…) per oltre 470 mila euro 
“denaro dei cittadini, cosa ne facciamo?”

05

Il deposito delle attrezzature, che ovviamente non sono mai state usate
(una costruzione inutile costata 300 mila euro)

06 - 300000

Annunci

From → Ambiente, Trasparenza

2 commenti
  1. gaetano permalink

    L’abbandono della struttura crea più danni dell’uso quotidiano. Questo è un vero spreco delle risorse pubbliche. Fare lavori, pagarli e poi lasciare tutto in abbandono. Perchè questo inutile spreco?

    Mi piace

Trackbacks & Pingbacks

  1. Gli edifici nei parchi e nelle ville storiche? In pessime condizioni, inutilizzati ed occupati | Blog di Angelo Diario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: