Skip to content

Linee guida per eventi sportivi patrocinati da Roma Capitale

Nel corso del 2017 gli eventi sportivi svolti a Roma si sono moltiplicati e sono mediamente cresciuti per numero di partecipanti. Questi sono i risultati del buon lavoro fatto da questa Amministrazione in ambito sportivo, di cui forse si è parlato troppo poco.

L’ufficio eventi cittadini ha stimato che quest’anno Roma ospiterà oltre mille eventi sportivi!

Per far fronte alla crescente mole di richieste, la Commissione Sport ha predisposto delle Linee guida per gli eventi sportivi patrocinati da Roma Capitale.

Tra gli obiettivi perseguiti dalle Linee Guida, vi sono la garanzia della buona riuscita degli eventi, il controllo e l’ottimizzazione delle risorse pubbliche utilizzate per la promozione delle manifestazioni sportive e la minimizzazione dei disagi per la cittadinanza derivanti da quest’ultime. 

Inoltre, tale regolamento costituirà un vademecum per gli organizzatori degli eventi ancora poco esperti e scongiurerà il sovrapporsi di eventi riferiti ad uno stesso pubblico o ad uno stesso luogo, nonchè lo svolgimento dei grandi eventi a distanze temporali ravvicinate. 

Tra le novità più importanti introdotte dalle Linee Guida, è da citare la costituzione di una cabina di regia che avrà compiti di coordinamento in tema di organizzazione dei grandi eventi sportivi e la fissazione di criteri certi per il rilascio di autorizzazioni e patrocini. 

Il documento è già stato inviato a Coni e Cip, oltre che a Federazioni, Enti e Associazioni sportive, il cui contributo sarà determinante nel definire al meglio le varie prescrizioni in esso contenute.

Annunci

Impianti comunali, le proposte di modifica del “vecchio” regolamento

La Commissione Sport il 28 giugno ha protocollato le proposte di modifica all’attuale Regolamento per gli impianti sportivi di proprietà di Roma Capitale (Modifica DCC n. 170-02).

L’obiettivo della delibera è duplice:

  1. riconoscere il valore dei servizi sportivi offerti alla cittadinanza anche dopo la scadenza della concessione;
  2. riconoscere i lavori di manutenzione straordinaria effettuati dai concessionari.

Per quanto riguarda il primo punto, ricordo il grido di allarme lanciato nel marzo scorso, quando i corrispettivi richiesti ai gestori di impianti sportivi comunali con concessioni scadute sono “aumentati del 1.000%”. Per la prima volta, in quella occasione, l’amministrazione ha adottato un provvedimento formale in conseguenza della scadenza di circa 20 concessioni (alcune scadute da più di 5 anni).

La Commissione si è attivata immediatamente per affrontare il problema, dovuto a un vuoto normativo nel testo dell’attuale regolamento, ovvero la disciplina dei corrispettivi dovuti dai concessionari scaduti. Abbiamo stabilito che, nel caso in cui essi abbiano continuato a rispettare le condizioni concordate con il Comune, a partire dalle tariffe da applicare all’utenza, allora “l’affitto” dovuto (in realtà non si tratta di un affitto…) deve essere uguale a quello stabilito nel disciplinare di concessione.

Per quanto riguarda il secondo punto, si tratta di quantificare i prolungamenti delle concessioni ai soggetti che hanno realizzato, a proprie spese, dei lavori autorizzati dal Comune. Queste procedure sono ferme da anni e senza questo nostro intervento Roma Capitale sarebbe chiamata in giudizio: dopo aver chiesto ai concessionari di finanziare la realizzazione di opere in cambio di un prolungamento della concessione, l’Amministrazione non può rimangiarsi l’impegno sottoscritto. Il fatto che la normativa nazionale sia cambiata dopo la stipula di quegli accordi non ne modifica gli effetti.

Il Segretariato Generale ha anticipato informalmente un parere negativo sulla possibilità di estendere il riconoscimento dei prolungamenti ai lavori autorizzati ma non ancora effettuati, chiedendo inoltre di legare tali proposte a un impegno forte da parte dell’Amministrazione a porre fine al regime di proroga delle concessioni scadute, che naturalmente condivido in pieno.

Per questo motivo il contenuto della proposta è stato inserito in una norma transitoria del nuovo Regolamento, che lo stesso 28 giugno è stato trasmesso informalmente agli uffici chiedendone un parere preventivo per, eventualmente, poter modificare il testo prima di protocollarlo. Entro metà luglio gli uffici si riuniranno, insieme ai tecnici di CONI Lazio, per valutare insieme come declinare il dettato del nuovo Codice degli appalti e delle concessioni nell’ambito dell’affidamento di servizi sportivi: è una sfida particolarmente impegnativa, dal momento che il regolamento di Roma Capitale sarà il primo in Italia ad essere approvato dopo l’entrata in vigore della Decreto Legislativo n. 50/2016.

Sport e periferie: in autunno partono i lavori per i playground

Il progetto Playground prevede la realizzazione, all’interno dei parchi comunali, di 15 “Aree Sport”, una per ogni Municipio.Il CONI avrà il compito di realizzare, a proprie spese, le strutture ludico sportive, in aree individuate da Roma Capitale.Questo nel duplice intento di potenziare l’attività sportiva e di riqualificare le zone periferiche svantaggiate.

A che punto siamo? Di seguito riporto lo stato di avanzamento dei vari progetti:

PROGETTI APPROVATI IN CONFERENZA DI SERVIZI (IN ATTESA SOLO DELLA TRASMISSIONE PARERE DA PARTE DELLA SOVRINTENDENZA)

  • MUN. 6 – Ponte di Nona – Via F. Caltagirone
  • MUN. 7 – Piscine di Torre Spaccata
  • MUN. 9- Parco Matteo Bartoli
  • MUN. 10 – Valle Porcina
  • MUN. 14 – Parco delle Palme – Via Esperia Esperani

PROGETTI CON CONFERENZA DI SERVIZI CONVOCATA O IN ITINERE

  • MUN. 3 – Parco delle Valli
  • MUN. 4- – Via Furio Cicogna
  • MUN. 12 – Viale dei Quattroventi

PROGETTO PER PRE-CONFERENZA CON SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA

  • MUN. 1 – Colle Oppio – Polveriera

PROGETTO IN FASE DI APPROVAZIONE (MANCA PARERE DIPARTIMENTO MOBILITA’)

  • MUN. 5 – Via Falck  

PROGETTI CON AREA INDIVIDUATA E ITER PROGETTUALE DA COMPLETARE

  • MUN. 2 – Via Panama
  • MUN. 8 – Parco Longanesi
  • MUN.11– Parco Pino Lecce
  • MUN. 13 – Via di Valcannuta
  • MUN. 15 – Via Tieri

Dopo i sopralluoghi dei mesi scorsi, le aree sono state individuate e il Coni ha elaborato i diversi progetti; il Dipartimento Ambiente sta organizzando le varie Conferenze dei Servizi al fine di approvare i progetti e consentire al Coni di iniziare i primi lavori già da settembre.

Un altro passo importante è stato fatto per avvicinare i cittadini allo sport e valorizzare il verde pubblico nelle periferie, senza bisogno di grandi investimenti e grandi opere.

Colgo l’occasione per ringraziare il CONI, i Municipi, gli uffici del Dipartimento Ambiente e gli altri Uffici del comune che insieme stanno lavorando alacremente per realizzare in tempi brevi i progetti.

Di seguito i progetti approvati i cui lavori inizieranno subito dopo l’estate.

Municipio 6

 

Municipio 7

Municipio 9

 

Muncipio 10

 

Municipio 14

La notte bianca degli impianti sportivi comunali

Un anno di sopralluoghi insieme ai membri della Commissione sport è stato utile per acquisire la consapevolezza che gli impianti sportivi comunali sono un servizio pubblico di cui la città deve andare fiera.

È vero, non tutto è perfetto. Anzi siamo molto lontani dalla perfezione. A cominciare dallo stadio Flaminio e dal Palazzetto dello Sport, sono tante le strutture pubbliche in difficoltà. Ma questo lo sanno tutti.

Quello che invece molti non sanno è che ci sono strutture di eccellenza che, al contrario, offrono un servizio di qualità a tariffe calmierate, fissate dal Comune. Non saprei contare le volte che ho visto i miei interlocutori sgranare gli occhi e domandare “davvero quello è un impianto comunale”?

È per questo motivo che io e l’Assessore Frongia da un anno ci battiamo per valorizzare il patrimonio impiantistico di Roma Capitale con eventi che promuovano lo sport come veicolo di integrazione sociale e culturale della città e che riconoscano nell’attività fisica un momento di alta valorizzazione della persona.

Da qui nasce l’idea di organizzare una grande festa dello sport che, per un giorno, veda protagonisti gli impianti sportivi di Roma Capitale quale simbolo del rilancio dell’attività e della promozione sportiva nella città.

Ridiamo insieme lustro allo sport per tutti! Il prossimo 9 settembre si svolgerà la prima “Notte bianca degli Impianti Sportivi di Roma Capitale”.

Protocollo d’intesa per l’uso delle palestre scolastiche in orario extrascolastico (bozza)

A chiusura di una serie di incontri tra Roma Capitale, MIUR e Coni Lazio, ai quali hanno partecipato, per Roma Capitale, gli Assessorati e le Commissioni scuola e sport. Siamo giunti ad elaborare una bozza di protocollo d’intesa che disciplini i rapporti tra istituzione scolastica ed ente locale.

La pubblico al seguente link:

Bozza di Protocollo di intesa Roma Capitale – MIUR – Coni Lazio

Questo documento, se approvato (siamo in attesa da tre settimane del parere dell’Assessore Baldassarre), sarà il punto di partenza per il nuovo Regolamento per l’affidamento degli spazi presso i Centri Sportivi Municipali.

Approfitto per complimentarmi con Teresa Zotta e lo staff della Commissione scuola, che è stata nei fatti la nostra capofila.

La festa dell’acqua all’Ortolino


Il 7 maggio, Ortolino, l’orto urbano nato da un progetto dell’Istituto Nazionale di Bio Architettura, ha festeggiato l’arrivo dell’acqua corrente grazie alla realizzazione di un nuovo pozzo, indispensabile per l’irrigazione dei lotti coltivati.

È bello vedere riuscire progetti che, in passato, io stesso prima di diventare Consigliere comunale ho tentato invano di realizzare (il progetto di orto urbano WeZapp! non fu autorizzato).

Il progetto Ortolino nasce nel marzo del 2013 come orto dipartimentale ed è destinato fondamentalmente alla promozione di buone pratiche di sostenibilità ambientale ed al presidio di aree altrimenti esposte al rischio di speculazione edilizia. Prima di Ortolino, infatti, l’area era in stato di abbandono ed utilizzata, sostanzialmente, come discarica abusiva.

L’iter burocratico è stato lungo ed estenuante. Avviato nel settembre del 2014, un anno dopo, tra il settembre e l’ottobre del 2015, sembrava tutto risolto: l’area è stata bonificata a spese dei soci, con un investimento di circa 7.000 euro e la promessa di avere l’acqua entro Natale. Tutto, invece, si è fermato di nuovo:

Ci siamo fidati di quanto ci era stato promesso dal Comune e dal Catasto del verde, ci dicevano che avremmo avuto l’acqua entro Natale del 2015. Non è arrivata e abbiamo scoperto che il pozzo – distante poche decine di metri dall’area dell’orto, ndr – era di proprietà dell’Inpdap, passato poi al Comune, e che la domanda di messa a norma era ferma da 12 anni alla Provincia
Fonte: intervista a Giovanni Fattorini

Fino ad arrivare ai mesi più recenti. I soci di Ortolino hanno finalmente ottenuto l’autorizzazione che mancava per procedere allo scavo di un nuovo pozzo. Non è stato facile e siamo contenti di aver contribuito alla riuscita di questo progetto!

Ridisegnare l’immagine delle città è oggi possibile! E gli orti urbani rappresentano la soluzione.

Ringrazio il Presidente Giovanni Fattorini e tutti gli ortolini, che sono i veri protagonisti di questo bellissimo esempio (riuscito!) di recupero urbano. Le immagini che seguono parlano da sole…

Rilanciamo insieme il Tevere! La seconda vita di Roma

Immaginereste mai che fino alla metà del secolo scorso i Romani si godevano il fiume della città come luogo di villeggiatura e palestra all’aria aperta? Ebbene sì nel “Biondo Tevere” nuotavano, organizzavano gare di motonautica e a Capodanno i più audaci si esibivano nella tradizionale tuffata della notte di San Silvestro!

Guadate per credere…… il Tevere era il

centro balneare dei romani che in villeggiatura vogliono arrivarci a piedi

Oggi il Tevere, nonostante il degrado dilagante, continua ad essere luogo di aggregazione e teatro di diverse attività sportive, tuttavia gran parte delle sue risorse non sono valorizzate e le sue potenzialità rimangono ancora inespresse.

Per questo motivo la Commissione Sport che presiedo ha intenzione di portare avanti un processo di riqualificazione delle sue sponde, in sinergia con le Istituzioni competenti, ma soprattutto attraverso il dialogo costante e il supporto della Cittadinanza attiva.

Come? Attraverso lo sport che si fa protagonista e diventa volano di rinascita e valorizzazione per la Città.

Nello specifico la Commissione intende:

  • rendere nuovamente praticabile la rampa di accesso da Ponte Testaccio;
  • dare voce alla Cittadinanza attiva, coinvolgendola nei tavoli istituzionali, per la definizione condivisa di progetti di sviluppo e valorizzazione del Tevere come la creazione di centri di aggregazione inclusivi e aperti;
  • rendere facilmente accessibile la banchina sinistra, semplificando le procedure per il rilascio delle autorizzazioni alle associazioni che ne fanno richiesta per la realizzazione di eventi ed attività sportive, oppure realizzando progetti a costo zero;
  • studiare la fattibilità, economica e non solo, di un intervento per unire i due tratti della riva sinistra, oggi separati da circa 300 metri di vegetazione che impedisce il transito sia ai mezzi motorizzati sia ai pedoni;
  • regolarizzare la situazione dei galleggianti sul Tevere, ad oggi tutti privi di titolo abilitativo edilizio.

Abbiamo raccolto una sfida ambiziosa e ci impegneremo al massimo per restituire alla città un luogo identitario ora abbandonato a se stesso!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: